Welink Agencies Welink Agencies
white-hat-vs-black-hat-seo

White hat vs. black hat SEO: Conosci la differenza e aumenta la tua visibilità nel modo giusto

Welink Agencies

Welink Agencies

White hat vs. black hat SEO: Le linee guida per un'ottimizzazione etica

Classificare i metodi SEO come "white hat" e "black hat" è semplicemente un modo per indicare cosa fare e cosa evitare se si vuole essere etici nella propria strategia. Questi non sono esattamente tipi diversi di SEO di per sé, ma modi diversi di fare SEO. 

 

Al di là della questione di quali strategie funzionano e quali no, ci sono modi per ottenere risultati con il SEO che potrebbero mettere a rischio il tuo business. Dato che oltre il 90% delle ricerche avviene su Google  (Source: statista), lo considereremo come il motore di ricerca di riferimento.

 

White hat SEO: Passi da fare per perfezionare la tua strategia

 

Questo è il modo esatto in cui Google vuole che tu porti avanti la tua campagna SEO. Aumentare la visibilità di una pagina online usando parole chiave mirate, contenuti rilevanti e altre strategie di ottimizzazione dovrebbe essere un processo che aderisce alle linee guida di Google.

 

Approccio a lungo termine

 

La prima cosa da tenere a mente è che una strategia SEO white hat ha un piano a lungo termine e non promette una soluzione rapida. La SEO è per definizione un processo lungo i cui risultati potrebbero richiedere da mesi ad anni per essere mostrati correttamente.

 

Certo, questo dipenderà dalla competitività delle parole chiave, dal tuo settore specifico e dalla complessità della tua strategia SEO. Ma tenete a mente che, indipendentemente da uno qualsiasi di questi fattori, ci vuole un bel po' di tempo perché Google ti conceda un buon posizionamento nelle SERP (Search Engine Results Pages) - e lo fa gradualmente.

 

È tutta una questione di tentativi ed errori, tenendo traccia di ciò che non ha funzionato questo mese per migliorarlo il prossimo. Non si inizia ad ottimizzare il contenuto sapendo cosa funzionerà e cosa no. Devi fare ricerche sul tuo pubblico, sui tuoi concorrenti, osservare come ogni piattaforma reagisce ai tuoi contenuti, come è distribuito il tuo traffico... e poi fare i cambiamenti necessari. Tutto questo richiede tempo.

 

Fortunatamente, una strategia che richiede tempo per mostrare i risultati è anche una strategia di lunga durata. Una campagna SEO che si concentra su un miglioramento graduale del posizionamento del tuo sito web nelle SERP avrà un impatto duraturo. Pensatela come una ricompensa ritardata: più lavori sul tuo SEO, migliori saranno i tuoi risultati. 

 

Comunicazione chiara con Google

 

La SEO deve anche adattarsi senza problemi agli aggiornamenti dell'algoritmo di Google. Quando capisci il modo in cui funziona Google e gli fai capire il tuo contenuto, ti assicuri che il tuo sito possa resistere a qualsiasi cambiamento dell'algoritmo. 

 

La base di questa comunicazione chiara è astenersi dal cercare di "ingannare" l'algoritmo in qualsiasi modo. Oltre ad avere ottimi contenuti, le tue pagine dovrebbero essere indicizzabili dal database di Google, strisciabili dai suoi spider, e ben collegate tra loro. Google vuole avere una visione chiara del tuo sito web ed essere in grado di trovarlo e capire quale scopo serve nel modo più chiaro possibile. 

 

Strutturare bene il testo e i dati del tuo sito web e avere una buona struttura di collegamento interno aiuterà Google a capire il tuo contenuto o a metterlo nel contesto. Questo renderà più facile per l'algoritmo sapere cosa fare con il tuo sito, poiché sa che ti rivolgi a un pubblico specifico, pubblichi contenuti rilevanti e dai priorità a una buona esperienza utente. 

 

Quando ti concentri sulla promozione di alcune pagine più di altre, fai sapere a Google che queste sono più importanti. Quando ottimizzi il tuo design e l'UX, fai sapere a Google che gli utenti avranno un'esperienza piacevole e fruttuosa sul tuo sito. Mantieni i tuoi metodi trasparenti e capisci come Google riceve i tuoi contenuti in modo da far aderire la tua strategia al suo algoritmo.




Rivolgiti al tuo pubblico, non al motore di ricerca

 

Il tuo contenuto dovrebbe prima di tutto essere orientato al tuo pubblico reale e umano. Non è mai una buona idea concentrarsi esclusivamente sulla reazione di Google ai tuoi sforzi di ottimizzazione e finire con un contenuto sotto la media, irrilevante o illeggibile. Si vuole sempre mettere l'utente al primo posto.

 

Molte strategie SEO provate coinvolgono già metodi che migliorano l'esperienza dell'utente. Quando ti rendi conto che anche Google cerca sempre di soddisfare meglio i suoi utenti, ha senso che consideri i contenuti incentrati sull'utente una priorità assoluta.

 

È importante non cercare di raggiungere un numero di parole chiave a scapito della qualità della tua scrittura, e non lesinare sulla UX perché anche i dettagli apparentemente piccoli (come la conversione delle dimensioni dei pulsanti da web a mobile) contano. 

 

Le tattiche approvate da Google sono quindi quelle che danno la priorità al pubblico. Rendendo i tuoi contenuti più rilevanti e più specifici e migliorando elementi come i tempi di caricamento e la facilità di navigazione, mostri a Google che l'obiettivo primario della tua strategia SEO è soddisfare gli utenti. 



Black hat SEO: Cosa non fare

 

Questo è ciò che dovresti evitare di fare quando lavori alla tua campagna SEO. Le tattiche black hat sono incentrate sul tentativo di aggirare o violare completamente le linee guida di Google. Anche se possono sembrare funzionare all'inizio, è probabile che danneggino le tue possibilità di ottenere e mantenere un buon posizionamento.

 

Ancora più importante, possono portare Google a penalizzare il tuo sito web o addirittura a inserirlo nella lista nera dei risultati di ricerca. 

 

 

H3: Plagio

 

La regola d'oro. Google ha un occhio acuto per il plagio, e non darà alcun tipo di lasciapassare per i contenuti copiati. Il tuo contenuto dovrebbe essere sempre originale anche quando prende ispirazione da articoli o copie pubblicate da aziende del tuo settore.

 

Fai la tua ricerca, naviga in diversi siti e rendi il tuo contenuto migliore del loro. Inoltre, è più probabile che gli utenti apprezzino la loro esperienza sul tuo sito se trovano che tu porti qualcosa di nuovo sul tavolo. Non è necessario che sia innovativo, ma certamente non dovrebbe essere riciclato.

 

Spinning dell'articolo

 

Il tuo contenuto si classifica bene solo quando Google vede che fornisce qualcosa di nuovo al panorama esistente. Simile al plagio è quello che viene chiamato article spinning: è quando le persone usano un software automatizzato per "girare" un articolo esistente sostituendo le parole con i loro sinonimi ma mantenendo lo stesso significato generale del contenuto.

 

Google può essere più facilmente ingannato da questo tipo di riciclaggio (e potrebbe non bandirlo immediatamente come farebbe per il contenuto plagiato), ma non aiuterà le tue classifiche a prescindere.

 

Quando fai girare gli articoli, stai riutilizzando il contenuto esistente e molto probabilmente rimarrai stagnante nelle SERP. Tieni a mente che la corsa ai primi risultati è spesso estremamente competitiva; e se non offri qualcosa di originale, non andrai avanti. 

 

Testo invisibile

 

Le tattiche Black hat SEO sono ingannevoli perché mirano a convincere Google che un pezzo di contenuto vale più di quello che è. Aggiungere pezzi di testo invisibili al tuo contenuto abbinando il colore del testo allo sfondo è una vecchia tattica ingannevole che Google ha scoperto rapidamente.

 

Concentrati sull'ottimizzazione del tuo testo, perfezionando la tua scrittura e adattandola ai lettori del web. Quando il tuo contenuto è costantemente piacevole da leggere e specifico per un argomento che è rilevante per il tuo pubblico, sarai sulla buona strada per costruire una buona base per un contenuto invariabilmente ottimizzato. Non ricorrere a trucchi ingannevoli come il testo invisibile, perché può danneggiare la reputazione del tuo sito web e metterti nei guai con Google. 

 

Link farm

 

Il tuo profilo di backlink è valutato da Google, e dovrebbe apparire coerente come minimo. Quando un gran numero di siti web (spesso non correlati) si collegano l'un l'altro in quella che sembra essere un'organizzazione completamente arbitraria, Google può dire che probabilmente qualcosa non va. 

 

Questo è il motivo per cui è importante costruire con attenzione i tuoi backlink e controllare regolarmente il tuo profilo di backlink per garantire che le fonti siano di alta qualità. Vuoi che i tuoi backlink provengano da siti rilevanti per il tuo marchio, nel tuo settore o ad esso collegati, e che siano coerenti con la tua presenza e reputazione online. 

 

Lo stesso vale per l'acquisto di un gran numero di link solo per il gusto di aumentare il volume. Questo si rivelerà un cattivo investimento e probabilmente contribuirà a danneggiare il tuo ranking.



Conclusione

 

In sintesi, i termini "white hat" e "black hat" sono usati per indicare i modi di attuare una strategia SEO, piuttosto che indicare diversi tipi di SEO. Le strategie white hat sono quelle che aderiscono alle linee guida di Google; le strategie black hat sono metodi che Google considera ingannevoli e illegittimi. 

Ecco la cosa più importante da tenere a mente:

 

Il modo migliore per valutare la differenza tra questi due tipi di strategie è la loro longevità. Se una strategia SEO promette risultati irragionevolmente veloci, come ottenere la prima posizione nella SERP (Search Engine Results Page) in una settimana, allora puoi essere sicuro che si tratta di una tattica black hat.

 

Le strategie SEO "white hat", approvate da Google, mostreranno risultati solo gradualmente e nel tempo. Tuttavia, la buona notizia è che una campagna SEO i cui risultati sono lenti da mostrare (da mesi a un anno) dà la priorità a risultati a lungo termine e duraturi. Questo significa che se ti attieni alla tua campagna SEO progressiva e sopra le righe e metti in atto tutte le strategie necessarie, puoi stare sicuro che sarai in grado di mantenere il tuo alto posizionamento nelle SERP. 

Hai un’ Agenzia Digitale?

Fai conoscere la tua Agenzia su Welink Agencies