Welink Agencies Welink Agencies
google-analytics

Google Analytics: lo strumento per monitorare il nostro sito web

Welink Agencies

Welink Agencies

Google Analytics: indispensabile per la gestione del proprio sito

Se volessimo dirvi cos’è esattamente Google Analytics e a cosa serve, impiegheremo pagine e pagine. Si tratta, infatti, di un tool molto complesso le cui funzionalità permettono di analizzare sotto ogni aspetto un sito web.
Proveremo comunque a farvi capire di cosa si tratta e perché è importante conoscerlo
La sua conoscenza di base è necessaria per chiunque voglia dedicarsi alla SEO.

Che cos’è Google Analytics

 

Iniziamo subito con il cercare di capire cos’è Google Analytics e la prima cosa che forse va detta è che si tratta di un tool, un servizio che Google mette gratuitamente a disposizione degli utenti.
A cosa serve? A monitorare il proprio sito web e non si esagera se si dice che è il più potente strumento che abbiamo a disposizione per tale scopo. E vale la pena ripetere che è gratuito!

Abbiamo già parlato di un altro strumento molto utile, sempre gratuito, fornito da Google: Google Search Console. Ma se Search Console è dedicata a come Google si rapporta al nostro sito, mostrandoci link rotti, le pagine presenti nella SERP e le keyword per cui Google ha posizionato una determinata pagina, Analytics fa altro: ci mostra come gli utenti interagiscono con il nostro sito.
E da qui possiamo capire l’importanza di questo strumento. Infatti è proprio capendo quali sono le pagine più visitate, quelle da cui l’utente esce subito e quelle dove rimane di più che noi possiamo adottare strategie vincenti per migliorare ogni singolo aspetto del nostro sito, rendendolo ancora più appetibile e user friendly.

Un’interfaccia intuitiva

 

Google Analytics, nonostante la sua complessità, presenta un’interfaccia molto intuitiva. Basta un solo account per gestire diversi siti e, inoltre, è possibile personalizzare la propria dashboard, mettendo a portata di mano i dati che servono maggiormente al nostro scopo.

Tutti i dati vengono raggruppati in statistiche, report e grafici che possono essere consultate direttamente dal tool o scaricate.

Ma non bisogna farsi ingannare: dietro a questa interfaccia intuitiva si nasconde un lavoro molto articolato. Riuscire a capire quali sono i dati più importanti per il nostro sito e la conseguente interpretazione sono delle operazioni molto difficili tant’è che sono nate figure professionali che si occupano proprio di questo tipo di lavoro.

Come installarlo sul proprio sito

 

Google Analytics va installato sul proprio sito e per fare ciò, per prima cosa bisogna registrarsi tramite il proprio account Google.
Quando si crea un account su Analytics, viene generato automaticamente un codice di monitoraggio che dovrà essere incollato su ogni pagina del nostro sito. Per fare ciò, possiamo inserire il codice all’interno del file Header.php o, per i meno esperti, è possibile utilizzare un plugin.

Fatto questo, Analytics comincerà a raccogliere dati che poi renderà disponibili tramite tabelle e grafici.

Le interfacce più importanti

 

Come già detto, Google Analytics permette di esaminare qualsiasi aspetto di un sito e lo fa grazie alle diverse interfacce. Vediamone di seguito le principali aree.

  • Pubblico: da questa sezione possiamo monitorare i dati relativi alle visite (sessioni) e al numero di utenti effettivi (utenti). Ogni utente può generare più sessioni. Sempre in questa sezione possiamo monitorare il tempo di permanenza medio, espresso in secondi.
    Altri dati importanti che possiamo estrapolare sono l’età degli utenti, il sesso e da che dispositivo accedono.
  • Acquisizione: da qui è possibile verificare come gli utenti sono arrivati sul nostro sito. Sono arrivati da ricerca organica, da un sito che ci ha linkato, da campagne pubblicitarie o digitando il nome del nostro sito? Grazie a questi dati possiamo capire se il nostro lavoro di ottimizzazione o se le nostre campagne pubblicitarie stanno funzionando bene.
  • Comportamento: da qui possiamo vedere il flusso delle visite, le pagine del sito più cliccate e il tempo di permanenza su ogni pagina: se questo è basso evidentemente il contenuto risulta poco interessante o non risponde alla query dell’utente.

Bene, siamo giunti al termine di questa panoramica che, speriamo, vi abbia fatto capire quanto Google Analytics sia importante per la corretta gestione di un sito.

Hai un’ Agenzia Digitale?

Fai conoscere la tua Agenzia su Welink Agencies